Isola del Liri e la sua storia

Denominata in passato Piccola Parigi e Piccola Manchester, Isola del Liri è famosa soprattutto per il suo paesaggio pittoresco immortalato nei secoli da numerosi scrittori e artisti italiani e stranieri e per il suo trascorso industriale. Tuttavia, la storia della Città delle Cascate è molto antica.

Nel 1886 mentre si procedeva alla costruzione della linea ferroviaria Roccasecca-Avezzano, in località Nazareth furono rinvenuti dei sepolcreti con oggetti del vissuto quotidiano sia maschili che femminili. La scoperta di questa necropoli fece supporre che Isola in epoca volsca fosse un centro abitato di notevole importanza. Nel 305 a.C. Isola, insieme ad Arpino e Sora fu conquistata dai Romani.

due tavole relative ai reperti archeologi rinvenuti ad Isola del Liri e pubblicate su Vincenzina Pinelli, Quaderni di Ricerche su Isola del Liri – Giustiniano Nicolucci, 1984

Il sistema viario romano fu usato fino al IV secolo d.C. perché la zona della valle del Liri era una zona di passaggio per le legioni romane, che potevano anche sostare per l’approvvigionamento. A testimonianza di ciò esiste ancora un cippo militare nei pressi dell’Abbazia di San Domenico, risalente all’epoca di Massenzio (306-312 d.C.). Le testimonianze storiche che vanno dalla caduta dell’Impero Romano d’Occidente al periodo altomedievale sono scarse.

Intorno agli anni 1004-1010, il gastaldo di Sora e Arpino, Pietro I Rachis, di origine longobarda, concesse la giurisdizione del territorio ai suoi figli. Fu in questo periodo che Insula si staccò da Arpino ed iniziò ad avere una propria vita civica, con l’origine di un nucleo abitativo nel centro storico e con le prime fasi della costruzione del castello.

Nell’esergo dello stemma del Comune si conserva ancora questa denominazione Insula Filiorum Petri ovvero Isola dei Figli di Pietro a testimonianza di questo avvenimento importante per la storia isolana.

Nel corso della sua storia, il territorio della Valle del Liri, essendo terra di confine, subì danni a causa dei ripetuti cambi di potere delle numerose famiglie che vi si succedevano. Le lotte più celebri furono tra Innocenzo III e il suo figlioccio Federico II per la conquista della Contea di Sora alla quale Isola apparteneva; opponendosi all’Imperatore, i paesi della Valle del Liri furono distrutti dallo Stupor Mundi dell’epoca.

I ruderi del Ponte Marmone presso l’Abbazia di San Domenico a Sora. Il ponte, di epoca romana, fu distrutto dalle truppe di Federico II nel 1229

La lotta tra gli Angioini e gli Aragonesi destinò, nel 1475 il Ducato di Sora alla famiglia importantissima dei Della Rovere, che dettero il primo impulso industriale al paese in località Carnello. Il dominio dei Della Rovere terminerà nel 1580, anno in cui Papa Gregorio XIII donò a suo figlio Giacomo Boncompagni il Ducato di Sora.

Il castello di Isola, denominata Isola di Sora, fu scelto dal Duca come residenza abituale; il castello sorge su di un masso di travertino che costringe il fiume Liri a dividersi in due rami, formando la Cascata Verticale a sud alta 27 metri e la Cascata del Valcatoio ad ovest e rendendo la sua ubicazione molto suggestiva e unica al mondo.

Durante il regno dei Boncompagni il Castello fu abbellito. All’interno del Palazzo fu costruito un teatro, fu ampliato il parco e affrescate le lussuose sale. I Boncompagni si unirono in matrimonio con le famiglie più ricche e potenti italiane tra cui gli Sforza, gli Zapata, i Ruffo, i Gallio consolidando in questo modo il proprio potere.

Il Ducato di Sora negli affreschi dei palazzi Vaticani

Fu un’epoca di progresso anche a livello industriale a causa della nascita di una rameria, di una fabbrica di panni di lana e di una cartiera; introdussero inoltre anche l’arte della seta. I Boncompagni dominarono Isola fino al 1796, quando il territorio passò sotto il Regio Demanio.

Jean-Joseph-Xavier Bidauld: Vue de l’île de Sora dans le royaume de Naples (1793),
olio su tela (113 x 144 cm). Conservato presso il Museo del Louvre a Parigi

Il paese, situato in una zona di confine con lo Stato Pontificio subì massacri e saccheggi ad opera delle truppe francesi, il più famoso dei quali rimane l’episodio dell’Eccidio del 12 maggio 1799, quando le truppe francesi massacrarono 533 persone nella Chiesa di San Lorenzo, bruciando case e distruggendo ogni cosa al loro passaggio per un totale di circa 600 vittime in tutto il paese. Una lapide posta all’interno della Parrocchia di san Lorenzo Martire ricorda il cruento episodio.

Chiesa di San Lorenzo Martire

Agli inizi del XIX secolo molti industriali francesi giunti da Napoli sotto il Governo di Gioacchino Murat si recarono a Isola del Liri per sfruttare l’enorme risorsa idrica del paese; l’industria cartaria ebbe quindi un notevole sviluppo nel territorio.

Berarger, Lefebvre, Courrier, Lambert, Rossinger, Boimond così come Sorvillo, Manna, Viscogliosi, Mancini rappresentano i numerosi industriali che hanno contribuito a creare e a determinare la fama di Isola del Liri a progredita cittadina industriale del Centro-Sud. Importantissima anche la nascita della Società Operaia di Mutuo Soccorso nel 1862 e i vari movimenti sindacali nati nel territorio.

L’industrializzazione ha caratterizzato fortemente lo sviluppo sociale, urbanistico ed economico della zona per circa due secoli fino alla triste fase della deindustrializzazione degli anni ’80 del secolo scorso.

Isola del Liri. Veduta aerea

Rita Zaccardelli

Un pensiero riguardo “Isola del Liri e la sua storia

  1. Stefano Manlio Mancini 14 ottobre 2019 — 0:28

    Grande 🙌 Rita! 👍💪🏽🔝👋🤗💋💓

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close